Unione delle Comunità Spinoziste Italiche

Devs sive Natvra
 
IndicePortaleRegistrarsiAccedi
Benvenuti sulle Isole Tremiti alla Grande Scuola del Sinedrio Spinozista Italico
Nuova Scola a Teramo.
Pubblicata la storia dei grandi spinozisti, personalità e dottrina!

Condividere | 
 

 Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Arimanno



Maschile Numero di messaggi : 1930
Località : mare, atomi
Data d'iscrizione : 28.02.09

MessaggioOggetto: Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)   Lun 01 Giu 2009, 15:04

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *
MAGNA CHARTA SPINOZA

Patto Comune dello Spinozismo
* * * * * * * * * * * * * * * * * * *



INDICE

PREMESSA


LIBRO 1.
IL COMPLETAMENTO ESOTERICO: FASI DI REALIZZAZIONE SPIRITUALE.


LIBRO 1/ TITOLO 1. I PRINCIPI ESOTERICI SPINOZISTI.

LIBRO 1/ TITOLO 2. LA REALIZZAZIONE SPIRITUALE.


1/ HAZAK l'Ignorante.
2/ MATSPOUNE il Sottomesso(a)
3/ HAVANA l'Umano(a)
4/ HESED il Sensato(a)
5/ HIROUTE il Libero(a).
6/ TANNA il Saggio(a).
7/ SPINOZA il Saggio dei Saggi.


LIBRO II.
L’ORGANIZZAZIONE ESOTERICA : LE CARICHE SPINOZISTE EXOTERICHE.


L II / TITOLO I. GLI ADMORS I Maestri
L II / TI / 1. DEFINIZIONE
L II / TI / 2. MISSIONI
L II / TI / 3. COMPITI PRINCIPALI
L II / TI / 4. CONDIZIONI DI ACCESSO
L II / TI / 5. NOMINA


L II / TITOLO II. GLI TZADIKS o Giusti.

L II / TII / 1. DEFINIZIONE
L II / TII / 2. MISSIONI
L II / TII / 3. COMPITI PRINCIPALI
L II / TII / 4. CONDIZIONI DI ACCESSO
L II / TII / 5. NOMINA



LIBRO III.
L’UNIONE EXOTERICA & ESOTERICA : I TANNAS i Saggi.


L III / TITOLO I. LA DISTINZIONE TANNA ESO ET TANNA EXO.

L III / TITOLO II. IL CARICO DI TANNA EXO.


L III / TII / 1. DEFINIZIONE
L III / TII / 2. MISSIONI
L III / TII / 3. COMPITI PRINCIPALI
L III / TII / 4. CONDIZIONI D’ACCESSO
L III / TII / 5. NOMINA


LIBRO IV.
LO SVOLGIMENTO DELLE ASSEMBLEE SPINOZISTE.


L IV / TITOLO I. ASSEMBLEA CENTRALE E LE ASSEMBLEE LOCALI DEGLI ADMORS.

L IV / TI / 1. L’ALTO CONSIGLIO DEGLI ADMORS.
L IV / TI / 2. IL CONSIGLIO DEI MAESTRI E INSEGNANTI ADMORS DELLE PROVINCE.

L IV / TITOLO II. L’ASSEMBLEA CENTRALE E LE ASSEMBLEE LOCALI DEGLI TZADIKS.

L IV / TII / 1. L’ALTO CONSIGLIO DEGLI TZADIKS.
L IV / TII / 2. IL CONSIGLIO DEGLI INTENDENTI E MILIZIANI TZADIKS DELLE PROVINCE.

L IV / TITOLO III. L'ASSEMBLEA DEI TANNAS.

L IV / TIII / 1. L’ALTO CONSIGLIO DEI TANNAS.
L IV / TIII / 2. CASO DI TANNA ESTERNO AL CONSIGLIO.

L IV / TITOLO IV. IL SINEDRIO O CONSIGLIO SUPREMO DELLO SPINOZISMO.

L IV / TIV / 1. COMPOSIZIONE.
L IV / TIV / 2. RIUNIONI.




- - - - - - -

PREMESSA

- - - - - - -



Noi, Sinedrio, decretiamo che quanto segue è la legge naturale dello Spinozismo, adattabile alle circostanze solamente da noi, Sanhédrin, con una nuova, ulteriore riunione.

La costituzione qui definita riflette l’eterna verità sociale dal punto di vista della Grande Scuola di Spinoza. Essa implica l’immissione nella comunità dei poteri individuali al fine di alimentare il potere collettivo, e di permettere a tutti i membri della nostra società di trarne la gioia necessaria alla loro crescita.

La causa principale di questa istituzione non è altro che Dio, come tutto ciò che è, perché è così. La sua comprensione è una libertà più grande che si aggiunge allo stato naturale, in quanto preserva la sicurezza e la concordia di tutti, tiene lontane le tristi passioni e ricerca la comune utilità, lo sviluppo della solidarietà e dell’amicizia.

Conformemente dunque alla conoscenza dei nostri antenati, trasmessa dai sapienti nel corso del tempo, e dimostrando come verità universale l’immanenza di Dio, la Sua onnipotenza attraverso l’infinità dei suoi attributi, la completa partecipazione della sostanza alla Sostanza divina e l’eternità di detta Sostanza, noi costruiamo il seguente principio di vita, di gioia e d’eternità.

Qui sono descritte l’organizzazione e la gerarchia della dottrina spinozista, il funzionamento della nostra comunità, i percorsi esoterici della Verità, che portano all’illuminazione della Natura, attraverso la Libertà, nella nostra Sostanza.

Come uno, come molti; come tutto, come parte.

Qui sta la nostra forza, qui la nostra debolezza, poiché ciascuno affermandosi pensatore spinozista comprenderà la necessità naturale di rispettare la presente costituzione.
.


Per Dio, da parte dei Spinozisti, attraverso i Tzadiks, gli Admors ed i Tannas.


Ultima modifica di Arimanno il Ven 09 Ott 2009, 19:11, modificato 5 volte
Tornare in alto Andare in basso
Arimanno



Maschile Numero di messaggi : 1930
Località : mare, atomi
Data d'iscrizione : 28.02.09

MessaggioOggetto: Re: Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)   Mer 03 Giu 2009, 19:12

- - - - - - -

LIBRO I.
IL COMPLETAMENTO ESOTERICO: FASI SPINOZISTE DI REALIZZAZIONE SPIRITUALE.

- - - - - - -

Nessuno è superiore all’altro per la forza bensì per la conoscenza.


LI. Titolo I. I PRINCIPI ESOTERICI SPINOZISTI.


Dal greco ésôterikós, esôteros, che significa « interiore ».

1) L’esoterismo appartiene all’area dell’interiore.
E’ l’area dell’esperienza di vita, della conoscenza assimilata perché è stata non appresa ma vissuta. Così, spesso, abbiamo appreso dai libri, ma sostanzialmente ciò che conta è l’esperienza di vita, quella che ci fa confrontare con la realtà del mondo, l’esperienza diventa allora un tutt’uno con il nostro spirito. Per esempio, se apprendiamo teoricamente che toccando il fuoco ci si brucia, solo l’esperienza di avvicinare la mano al fuoco può realmente farcelo capire. Così colui che lo fa è stato iniziato, iniziato all’esperienza del fuoco.

2) Gli stadi della realizzazione spirituale eso : l’iniziazione spinozista.
Sono eventi che permettono a un Tanna, o un membro più elevato dal punto di vista iniziatico, di misurare e valutare il grado di iniziazione dell’esperienza divina, cioè l’esperienza della Natura e della sua forza di affermazione. Non dimenticare mai che gli spinozisti non concepiscono alcuna separazione tra la Natura e se stessi, la nostra esistenza è una parte della natura, dunque di Dio. L’iniziazione è dunque anche, e nello stesso tempo quella del divino, l’esperienza di sè.

3) Ogni essere umano può essere in una fase di realizzazione spirituale.
Poco importa che egli sia o no spinozista. Gli spinozisti non hanno la pretesa di assumersi il monopolio della realizzazione di se stesso. Non ci sono dunque « profani » presso gli spinozisti, ma « gentili » per lo più Hazak (Ignoranti) ma non sistematicamente. Tuttavia, il culto spinozista per migliaia di anni ha sviluppato una dottrina, un metodo e delle opere per fare il miglior uso possibile della libertà divina.

4) I passi sono obbligatori.
Il fatto di riuscire prova e dimostra che l'iniziazione era in realtà già stata attuata. Così, una vecchia leggenda racconta che Spinoza, quando verrà, supererà le cinque prove esoteriche in un solo giorno dall’alba al tramonto. Essendo difatti il Saggio dei Saggi, lo è stato in effetti già ancora prima di superare le prove.



LI. Titolo II. LA REALIZZAZIONE SPIRITUALE.


1) HAZAK (IGNORANTE) è l’individuo che ignora tutto. Egli è nelle tenebre più profonde. Egli ignora chi è.


2) MATSPOUNE (SOTTOMESSO) è l’individuo che ha scoperto di essere incatenato.

Definizione :
Il suo unico scopo è di capire come funzionano le catene per liberarsene senza avere ancora trovato la soluzione.

Prova di accessibilità – La consapevolezza :
Auto-designazione. Il semplice fatto di chiedere di diventare spinozista a un rappresentante exo di una delle Scuole dei Regni costituisce una presa di coscienza della propria ignoranza e fa entrare il candidato di fatto nello stadio di Sottomesso. Basta la richiesta per diventare Sottomesso.


3) HAVANA (UMANO) è lo stadio precedente a SENSATO.

Definizione :
E’ colui che ha capito di essere incatenato a un sistema di valori dettati dalla morale ma non ne conosce ancora tutte le cause.

Ammissibilità :
Somma intelligenza + carisma = 20 minimo.

Prova di ammissione – Piccola prova orale e Primotexto :

Presentazione orale pubblica nella Sala comune nella Scuola del Primo Senso davanti a un Saggio di un testo scritto concernente l’incontro con il pensiero spinozista. Questo testo si intitola il Primotexto.

Non deve essere inferiore a 300 parole. Il Saggio potrà richiedere durante il colloquio tutte le precisazioni che riterrà utili. Dovrà essere approvato da 1 Saggio e poi consegnato alla Biblioteca spinozista.


4) HESED (SENSATO) è lo stadio che precede il LIBERO.

Definizione :
E’ colui che è sulla via della libertà poiché ha acquisito il senno sufficiente per distinguere le cause del proprio condizionamento. La sua libertà è sulla via della lucidità.

Ammissibilità :
Somma intelligenza + carisma = 60 minimo.

Prova di ammissione – Prova scritta e Sensotexto :

Deposito presso il Consiglio dei Saggi di un testo di esposizione spinozista su un soggetto scelto da un saggio dietro richiesta del candidato. Questo testo si intitola il Sensotexto.

Non deve essere inferiore a 400 parole. Dovrà essere approvato da un Saggio delegato dal Consiglio dei Saggi che gli sottoporrà 3 domande orali preliminari sul testo nella sala comune della Scuola del Primo Senso.

Le risposte dovranno essere brevi e non devono superare 30 parole. Domande e risposte sono pubbliche. Il Sensotexto, le domande e le risposte saranno consegnati alla Biblioteca Spinozista.


5) HIROUTE (LIBERO) è lo stadio anteriore al SAGGIO.

Definizione :
E’ colui che ha trovato il cammino della libertà selezionando con cognizione di causa le cause del proprio condizionamento e facendo la scelta decisiva di liberarsene attraverso la sana Ragione. La sua libertà ha trovato la lucidità necessaria per intraprendere la via della saggezza.

Ammissibilità :
Somma intelligenza + carisma = 100 minimo.

Prova di ammissione – Prova orale estesa :

Discepolo di un Saggio per un periodo necessario ad essere in seguito designato candidato alla libertà.

Il candidato alla libertà è convocato ufficialmente dal Consiglio dei saggi nel grande anfiteatro comune delle 5 Scuole spinoziste.

Tutti gli Uomini liberi o Saggi presenti formano una giuria presieduta da un Saggio nominato dal Consiglio dei Saggi. La giuria decide in accordo di proporgli 7 argomenti spinozisti : 1 argomento personale, 2 argomenti di dottrine teoriche, 2 argomenti di comportamento in situazioni reali, 2 argomenti senza senso.

La prova è aperta pubblicamente principalmente a tutti gli spinozisti e a tutti gli invitati non spinozisti da un membro dei 3 Consigli spinozisti. Potranno parlare solo gli Uomini Liberi ed i Saggi, gli altri potranno solo applaudire, fischiare, tifare o stare totalmente zitti. Durante l’esame non sarà ammesso entrare o uscire, salvo eccezioni debitamente motivate presso il presidente della Giuria, sia da parte dei candidati, della giuria o del pubblico.

Tutti coloro che entrano nel Grande Anfiteatro si impegnano di fatto a obbedire ai precetti del presidente della Giuria.


6) TANNA (SAGGIO) è l’ultimo stadio di realizzazione.

Definizione :
Il punto d’arrivo quando siamo liberati da tutto divenendo la causa di noi stessi. Il tutto si definisce con ciò che ci imprigiona. La sua saggezza in perpetuo rinnovamento è compiuta nella divina fonte della natura. Egli raggiunge nell’umano il massimo di gioia e potenza.

Ammissibilità :
Somma intelligenza + carisma = 200 minimo.

Prova di ammissione :
Il risveglio.


7) SPINOZA (IL SAGGIO DEI SAGGI) è l'atteso(a) del pensiero spinozista.

Definizione :
Il Saggio dei Saggi.
Egli è negli attributi umani il compimento della Natura.
Il suo arrivo è una necessità matematicamente certa nell’eternità del tempo in un preciso punto delle infinite combinazioni della Natura.
Gioia e potenza saranno realizzate.
Egli non è la fine ma il rinnovamento delle origini.

Prova di ammissione :
Nessuno lo sa.


Ultima modifica di Arimanno il Mer 03 Giu 2009, 19:37, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Arimanno



Maschile Numero di messaggi : 1930
Località : mare, atomi
Data d'iscrizione : 28.02.09

MessaggioOggetto: Re: Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)   Mer 03 Giu 2009, 19:18

- - - - - - -

LIBRO II.
L’ORGANIZZAZIONE EXOTERICA : CARICHE SPINOZISTE EXO.

- - - - - - -


L’exoterismo appartiene alla sfera dell’esteriore. Distinguiamo così due aspetti della medesima dottrina, l’uno più interiore e l’altro più esteriore : l’exoterismo comprende ciò che è immediatamente visibile o comprensibile, e di conseguenza è suscettibile di essere più facilmente posto alla portata di tutti.

Così, sta dalla parte immersa della nave spinozista: la sua organizzazione istituzionale, le differenti funzioni dei suoi membri, ma anche tutte le sue cerimonia, la sua storia scritta e i suoi libri. Infine, la sfera esoterica spinozista non è che lo strumento, l’attrezzo e il guscio che permette di salvaguardare la memoria e di fare vivere l’esoterismo spinozista sugli oceani della realtà.



LII / TITOLO I. GLI ADMORS o Maestri.


LII/TI.1) DEFINIZIONE.
Maestro, insegnante ed officiante.

LII/TI.2) MISSIONI.
- Garantire la conoscenza e l’accettazione del pensiero spinozista su tutto il territorio.
- L'obiettivo è 1 Admor principale per Provincia, e un Admor per città.
- L’Admor di Provincia presiederà il Consiglio dei Maestri e Insegnanti spinozisti di tutte le Scuole Rifugio della sua provincia. E’ lui che sarà più particolarmente incaricato di discutere con le autorità e i consigli temporali del posto, ma anche di rendere conto presso il Grande Consiglio degli Admors.
- Esempio sarà preso sul Grande Consiglio di sua competenza : "Il Consiglio degli Admors avrà l’incarico di fare comprendere a tutti la necessità di liberarsi "primo senso" e di mettersi in cammino per cercare la Libertà. Andranno in tutte le terre conosciute per diffondere il pensiero degli spinozisti..." Parola del Saggio Thamos, 24 settembre 1454.

LII/TI.3) PRINCIPALI COMPITI.
- Insegnamento della dottrina : corsi collettivi, conferenze.
- Apprendistato della pratica spirituale : meditazioni collettive, dibattiti su un argomento.
- Maestro dei culti : organizzazione e animazione delle cerimonie spinoziste, iniziazione spinozista (da ignorante a sottomesso), shabbat, feste, matrimoni.
- Consigliere spirituale.
- Creazione di Scuole Rifugio spinoziste. Ricerca di un Tzadik per il Rifugio della Scuola. Servizio di base nel rifugio in caso di assenza di un Giusto.
- Ogni Admor può essere inviato per una missione speciale, sia dall’Admor principale della sua provincia, sia dal Gran Consiglio degli Admors, sia dall’Alto Consiglio dei Saggi.

LII/TI.4) REQUISITO D’ACCESSO.
Essere minimo allo stadio di Havana nella graduatoria éso.

LII/TI.5) NOMINA.
Dal consiglio degli Admors, o il consiglio dei Saggi per procura, su proposta dell’interessato.


- - - - - - -

LII / TITOLO II. GLI TZADIKS o Giusti.


LII/TII.1) DEFINIZIONE.
Giudice, organizzatore, militante.

LII/TII.2) INCARICHI.
- Vigilare sul rispetto delle pratiche religiose
- Giudicare e punire le infrazioni sulle quali avrà indagato precedentemente.
- Organizzare le milizie spinoziste di difesa, e su vasta scala l’esercito della milizia spinozista.
- L’obiettivo è un Tzadik principale per Provincia, e un Tzadik per città.
- Lo Tzadik di provincia presiederà il Consiglio degli Tzadiks spinozisti di tutti i Rifugi della sua provincia. In particolare è lui che avrà l’incarico di amministrare l’economia e la giustizia della comunità spinozista, e l'efficienza della milizia spinozista della provincia. Risponderà del suo operato davanti al Consiglio degli Tzadiks.

LII/TII.3) COMPITI PRINCIPALI.
- Verifica del rispetto dei rituali spinozisti nella vita quotidiana (shabbat, regole alimentari, nascite, decessi etc ...) come anche delle loro applicazioni (sicurezza, cura del corpo, mezzi materiali)
- Aiuto ai più bisognosi
- Consulenza economica alle filiere di produzione
- Controllo della comunità
- Giudicare gli eccessi (tribunale interno della spinozia)
- Organizzazione dell’Ost Spinozista locale o provinciale
- Protezione degli spinozisti sottoposti alla sua responsabilità
- Ogni Giusto può essere inviato per una missione speciale, sia dal Giusto principale della sua provincia, sia dall’Alto Consiglio degli Tzadiks, sia dall’Alto Consiglio dei Tannas.

LII/TII.4) REQUISITI D’ACCESSO.
Essere minimo allo stadio di Havana nella graduatoria éso.

LII/TII.5) NOMINA.
Dal Consiglio dei Giusti, o il Consiglio dei Saggi per procura, su proposta dell’interessato.


Ultima modifica di Arimanno il Mer 03 Giu 2009, 19:37, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Arimanno



Maschile Numero di messaggi : 1930
Località : mare, atomi
Data d'iscrizione : 28.02.09

MessaggioOggetto: Re: Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)   Mer 03 Giu 2009, 19:23

- - - - - - -

LIBRO III.
L'UNIONE EXOTERICA & ESOTERICA : I TANNAS o Saggi.

- - - - - - -


Ogni spinozista che ha raggiunto lo stadio di Tanna nel suo percorso esoterico diventa di fatto Saggio e Tanna agli occhi del mondo.



LIII / TITOLO I. LA DISTINZIONE TANNA ESO E TANNA EXO.

Ogni Tanna esoterico raggiunge immediatamente la Casa della Saggezza dei Tannas (Beth Tannahim), salvo che egli desideri proseguire la sua opera come Tzadik o Admor, in questo caso il suo incarico ufficiale resterà immutato, anche se godrà presso gli spinozisti dello stesso rispetto dovuto ai Tannas della Beth Tannahim.


- - - - - - -

LIII / TITOLO II. LA CARICA DI TANNA EXO.

LIII/TII.1) DEFINIZIONE.
Saggio, Guida, Modello.

LIII/TII.2) MISSIONE.
- La sola missione del Tanna è dare l’esempio e guidare lo Spinozismo sulla via della Libertà.
Per questo, egli può interrogarsi sul dogma, e pensare ad una possibile riscrittura di alcune sue parti.
- Risponderà alle domande degli spinozisti e darà consigli a coloro che li richiederanno.

LIII/TII.3) PRINCIPALI INCARICHI.
Il Tanna ha il potere, senza limiti geografici, di intervenire negli affari dello Spinozismo, sia che si tratti di argomenti di dottrina, di rispetto della dottrina, o di riscrittura della dottrina.
Egli può annullare una decisione dello Tzadik, se questa è contraria alla dottrina spinozista, proibire o correggere una comunicazione d'Admor, per la stessa ragione.

LIII/TII.4) REQUISITI D’ACCESSO.
Essere Tanna esoterico, e non seguire un’altra via exoterica, come quella dello Tzadik o Admor.

LIII/TII.5) NOMINA.
Automatica, dall’accettazione dello spinozismo come Saggio, a meno che questi non voglia rimanere nella via dello Tzadik o quella dell'Admor.


Ultima modifica di Arimanno il Mer 03 Giu 2009, 19:37, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Arimanno



Maschile Numero di messaggi : 1930
Località : mare, atomi
Data d'iscrizione : 28.02.09

MessaggioOggetto: Re: Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)   Mer 03 Giu 2009, 19:34

- - - - - - -

LIBRO IV.
FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE SPINOZISTE.

- - - - - - -




LIV / TI. L'ASSEMBLEA CENTRALE E LE ASSEMBLEE LOCALI DEGLI ADMORS.


LIV/TI.1) Assemblea centrale : LA GRANDE SCUOLA.

L'Assemblea centrale degli Admors costituisce la Grande-Scuola Spinoza di un Regno o di più province unite. Secondo il grado di organizzazione voluta la Grande-Scuola dispone di una amministrazione che costituisce il suo Consolato : comunicare, comprendere e specificare la dottrina, realizzare le cerimonie,...

LIV / TII.1.1) Composizione.

- Numero : 7 Admors che prendono il titolo di Admor Gadol (Grande Admor).

- Designazione di membri in caso di posti vacanti :
.. Deve essere un Admor di Provincia da almeno 1 mese.
.. Deve aver fatto richiesta scritta presso uno dei membri della grande Scuola per divenire membro lui stesso.
.. Viene cooptato dai membri della Grande Scuola previa convalida della Beth Tannahim.

- Durata, dimissione, rinnovo :
.. 6 mesi al massimo.
.. Deve pervenire 10 giorni prima se si dimette prima del termine dei 6 mesi.
.. Un Admor della Grande Scuola e considerato dimissionario in caso di assenza prolungata di 22 giorni continuativi salvo che egli motivi la sua assenza in anticipo presso i suoi pari (HRP/ nessun post nei 22 giorni alla Grande Scuola, alla Grand Havre o al Sinedrio).
.. Un Admor che ha terminato il suo mandato o che è dimissionario non potrà ritornare che tre mesi dopo la sua partenza.

- Rappresentanza e merito :
.. E’ auspicabile che sia tenuto conto del massimo equilibrio geografico nei membri della Grande Scuola, tuttavia più Admors d'una stessa provincia possono stare nella Grande-Scuola.
.. Si terrà conto del motivo, della buona reputazione e del lavoro svolto dall’Admor principale nella sua provincia.

LIV/TI.1.2) Attribuzioni.

- Obbligo minimo di partecipare alla Grande Scuola nell’ambito delle missioni assegnate agli Admors :
.. proporre progetti,
.. esprimere il proprio parere sui progetti,
.. informare gli altri membri sui fatti delle province.

- Diritto di missioni su tutti gli Admors delle province.

- Contatti e consigli a tutti i livelli con tutti gli Admors delle province e i loro Consigli locali.

- Contatti con la Grand-Havre e la Beth Tannahim.

- Dirige, organizza e nomina i membri della sua amministrazione, a suo piacimento, che si chiama Consolato della Grande Scuola. I membri del Consolato dovranno essere Admor, spinozisti di base o amici degli spinozisti ma non possono essere Tzadik.


LIV/TI.2) Assemblee locali : IL CONSIGLIO DEI MAESTRI E INSEGNANTI ADMORS DELLE PROVINCE O LE SCUOLE.

- 1 Admor principale della provincia è designato dalla Grande-Scuola tra i membri del Consiglio della provincia, egli assume il titolo di "Admor di" seguito dal nome della provincia.

- 1 Admor è nominato dall’Admor principale della provincia per ciascuna città della provincia e potrà dirigere una Scuola di città (halle) o partecipare alla Scuola della provincia (gargote). In quest’ultimo caso, egli sarà responsabile della corrispondenza con una delle città è realizzerà i compiti di base devoluti a un Admor.

- Elezione degli Admors.
.. La designazione degli Admors della provincia da parte della Grande Scuola o degli Admors di città dall’ l'Admor principale potrà avvenire dopo una votazione a maggioranza relativa di tutti gli spinozisti della provincia o della città (amici degli spinozisti compresi).
.. La votazione sarà obbligatoria se almeno 4 spinozisti della provincia o della città ne fanno richiesta presso la Grande Scuola per l'Admor principale di provincia o al Consiglio della provincia per l'Admor di città.
.. L'organizzazione delle elezioni dipende dal Consiglio di provincia in tutta onestà.
.. In caso di disputa, la Corte di Giustizia Tzadikim del Grand-Havre è la sola competente.

- L'Admor principale e gli Admors di città formano il Consiglio degli Admors della provincia. Per ragioni di coordinamento o per scelta, un solo Consiglio di provincia può comprendere gli Tzadiks e gli Admors di una sola provincia sotto l’egida dell'Admor e dello Tzadik principale.

- I compiti principali dell'Admor principale della provincia :
.. E’ responsabile dell’unione, il coordinamento, il controllo e l'assistenza degli Admors della sua provincia, sia intervenendo direttamente nelle Scuole, sia riunendo a sua discrezione, almeno una volta al mese, il Consiglio degli Admors della provincia.
.. Egli rappresenta quotidianamente lo Spinozismo presso le autorità temporali e le altre autorità religiose della provincia in particolare per i compiti attinenti al suo incarico.
.. Egli si adopera per coordinare le sue azioni con lo Tzadik principale della provincia.
.. Ha l’obbligo di informare, riferire e chiedere l’autorizzazione presso la Grande-Scuola per ogni azione che interessa o impegna lo Spinozismo.


- - - - - - -

LIV / TII. L'ASSEMBLEA CENTRALE E LE ASSEMBLEE LOCALI DEGLI TZADIKS.

L'Assemblea centrale degli Tzadiks costituisce la Grand-Havre Spinoza di un Regno o di più province unite. Secondo il livello di organizzazione desiderato la Grand-Havre dispone di una amministrazione che costituisce la sua Cancelleria : corte di giustizia, banca, caserma, granaio,...

LIV/TII.1) Assemblea centrale : LA GRAND HAVRE.

LIV / TII.1.1) Composizione.

- Numero : 7 Tzadiks che prendono il titolo di Tzadik Gadol (Grande Tzadik).

- Designazione dei membri in caso di posto vacante :
.. Deve essere uno Tzadik di Provincia da almeno 1 mese.
.. Deve aver fatto richiesta per iscritto presso uno dei membri del Grand-Havre per diventare membro lui stesso.
.. Cooptato dai membri dell’Alto-Consiglio dietro parere favorevole dell’ Alto-Consiglio dei Saggi.

- Durata, dimissione, rinnovo :
.. 6 mesi massimo.
.. Deve pervenire con 10 giorni di anticipo se si dimette prima del termine di 6 mesi.
.. Uno Tzadik del Grand-Havre è considerato dimissionario in caso di assenza prolungata di 22 giorni continuativi salvo che egli motivi la sua assenza in anticipo presso i suoi pari (HRP/ nessun post nei 22 giorni alla Grande Scuola, alla Grand Havre o al Sinedrio.
.. Uno Tzadik che ha terminato il suo mandato o che sia dimissionario non potrà ritornare che 3 mesi dopo la sua partenza.

- Rappresentanza e merito :
.. E’ auspicabile che sia tenuto conto del massimo equilibrio geografico nei membri dell’Alto-Consiglio, tuttavia più Tzadiks di una stessa provincia possono stare nella Grande-Scuola.
.. Si terrà conto del motivo, della buona reputazione e del lavoro svolto dall’Admor principale nella sua provincia.


LIV / TII.1.2) Attribuzioni.

- Obbligo minimo di partecipare al Grande Havre nell’ambito delle missioni assegnate agli Tzadiks :
.. proporre progetti,
.. esprimere il suo parere sui progetti,
.. informare gli altri membri sui fatti delle province.

- Diritto di missioni su tutti gli Tzadiks delle province.

- Contatti e consigli a tutti i livelli con tutti gli Tzadiks delle province e i loro Consigli locali.

- Contatti con la Grande-Scuola e la Beth Tannahim.

- Dirige, organizza e nomina i membri della sua amministrazione, a suo piacimento, che prende il nome di Cancelleria del Grand-Havre. I membri della Cancelleria dovranno essere Tzadik, spinozisti di base o o amici degli spinozisti ma non possono essere Admor.


LIV/TII.2) Assemblee locali : IL CONSIGLIO DEGLI INTENDENTI E MILIZIANI TZADIKS DELLE PROVINCE O GLI HAVRES.

- 1 Tzadik principale della provincia è designato dal Grand Havre tra i membri del Consiglio di provincia, egli prenderà il titolo di "Tzadik di" seguito dal nome della provincia.

- 1 Tzadik è designato dallo Tzadik principale della provincia per ogni città della provincia che potrà dirigere un Havre di città (halle) oppure partecipare all’ Havre della provincia (gargote). In quest’ultimo caso, avrà l’incarico di tenere i contatti con una delle città e svolgerà i compiti di vase devoluti ad uno Tzadik.

- Elezione degli Tzadiks.
.. La designazione degli Tzadiks della provincia da parte del Grand Havre o degli Tzadiks di città dallo Tzadik principale potrà avvenire dopo una votazione a maggioranza relativa di tutti gli spinozisti della provincia o della città (amici degli spinozisti compresi).
.. La votazione sarà obbligatoria se almeno 4 spinozisti della provincia o della città ne fanno richiesta presso la Grande Scuola per lo Tzadik principale di provincia o al Consiglio di provincia per lo Tzadik di città.
.. L'organizzazione delle elezioni dipende dal Consiglio di provincia in tutta onestà.
.. In caso di disputa, la Corte di Giustizia Tzadikim del Grand-Havre è la sola competente.

- Lo Tzadik principale e gli Tzadiks di città formano il Consiglio degli Tzadiks della provincia. Per ragioni di coordinamento o per scelta, un solo Consiglio di provincia può comprendere gli Tzadiks e gli Admors di una sola provincia sotto l’egida dell'Admor e dello Tzadik principale.

- I compiti principali delloTzadik principale di provincia :
.. E’ responsabile dell’unione, il coordinamento, il controllo e l'assistenza degli Tzadiks della sua provincia, sia intervenendo direttamente negli Havres, sia riunendo, a sua discrezione e almeno una volta al mese, il Consiglio degli Tzadiks della provincia.
.. Egli rappresenta lo Spinozismo quotidianamente presso le autorità temporali e le altre autorità religiose della provincia in particolare per i compiti attinenti al suo incarico.
.. Egli si adopera per coordinare le sue azioni con l'Admor principale della provincia.
.. Ha l’obbligo di informare, riferire e chiedere l’autorizzazione presso il Grand Havre per ogni azione che interessi o impegni la Spinozie.


- - - - - - -

LIV / TITOLO III. L'ASSEMBLEA DEI TANNAS.


LIV/TIII.1) L’ALTO-CONSIGLIO DEI TANNAS O LA BETH TANNAHIM (CASA DELLA SAGGEZZA).

LIV/TIII.1.1) Composizione.

- Numero :
L’Alto Consiglio è composto da un massimo di 7 Tannas per tutte le sue riunioni, ma ciascun Tanna dello Spinozismo può esprimere il proprio parere sugli argomenti trattati per iscritto.

- Designazione :
I membri sono cooptati dai loro pari già presenti in seno all’Alto Consiglio dietro richiesta dell’interessato.

- Durata, dimissione, rinnovo :
Un saggio non può restare più di 6 mesi nell’Alto Consiglio, ma deve comunicarlo con due settimane di anticipo se lascia prima del termine di 6 mesi. In seguito, lo stesso saggio non potrà ferne parte di nuovo che 6 mesi dopo la sua partenza.

- Rappresentanza :
In assoluto, è preferibile che il massimo delle sfere siano rappresentate nell’Alto Consiglio, così come il massimo di Scuole spinoziste, anche se non è obbligatorio.

LIV/TIII.1.2) Attribuzioni.

L’Alto Consiglio dei Tannas decide sulla dottrina, giudica sulle controversie in seno all’Alto Consiglio degli Admors e l’Alto Consiglio degli Tzadiks, e ratifica tutti gli accordi dello Spinozismo, locali o generali, verificando la loro conformità alla dottrina spinozista.

In caso di indisponibilità dei due altri consigli, è autorizzato a prendere decisioni in loro vece, ma non può sostituirsi ad essi se sono in grado di funzionare.


LIV/TIII.2) SAGGIO AL DI FUORI DI OGNI CONSIGLIO.

I Tannas che non sono membri di un Alto Consiglio, che sia quello dei Tannas, degli Admors o degli Tzadiks, hanno il compito di aiutare i loro fratelli spinozisti (vedere i doveri dei saggi esoterici per la precisione : LIII/TII). Possono tuttavia intervenire per iscritto presso l’Alto Consiglio dei Saggi su un argomento trattato.


- - - - - - -

LIV / TIV. IL CONSIGLIO SOVRANO DELLA SPINOZISMO O SINEDRIO.


LIV/TIV.1) COMPOSIZIONE.

Il Sinedrio è composto da 21 membri dei 3 Alti Consigli, così come dalla presenza mistica di Colui che verrà dalla Necessità, come complemento indispensabile dell'Unità.


LIV/TIV.2) RIUNIONI.

LIV/TIV.2.1) Data e durata.

Il Sinedrio si riunisce una volta l’anno per due settimane.

LIV/TIV.2.2) Obiettivi generali.

Il suo scopo è orientare l’evoluzione dello Spinozismo nel suo insieme, ascoltare i reclami delle sorelle e dei fratelli spinozisti, e deliberare sui problemi di dogma sollevati nell’anno che precede la riunione.

LIV/TIV.2.3) Riunione pubblica.

Un Consiglio pubblico ha luogo nella settimana ogni volta che lo richiede l’ordine del giorno. Ogni Spinozista può assistervi senza prendere la parola. Questo Consiglio Pubblico :
> tratta i reclami provenienti dai singoli e dalle assemblee locali spinoziste,
> informa ufficialmente e globalmente la comunità del passaggio eso dei suoi membri,
> informa ufficialmente e globalmente la comunità dell'attribuzione dei titoli exo ai suoi membri.

Un ordine del giorno preliminare sarà fissato da ciascun Alto Consiglio e successivamente trattato in riunione:
- da un rappresentato dall’Alto Consiglio degli Admors concernente tutti gli argomenti delle Assemblee locali e dei compiti della loro carica,
- da un rappresentato dall’Alto Consiglio degli Tzadiks concernente tutti gli argomenti delle Assemblee locali e dei compiti della loro carica,
- da un rappresentante designato dall’Alto Consiglio dei Saggi concernente ciò che giudicano necessario affrontare e dei compiti della loro carica.

LIV/TIV.2.4) Riunione ristretta.

Un Consiglio Ristretto si riunisce 2 volte nei giorni dello Shabbat durante lo svolgimento del Consiglio Superiore dello Spinozismo. Esso riunisce i 22 membri attivi dell’istituzione. Questi Consigli Ristretti trattano gli affari economici, politici o dogmatici essenziali.

Un ordine del giorno preliminare sarà stabilito insieme e trattato in riunione da un rappresentante estratto a sorte. L’estrazione a sorte avverrà tra i Saggi presenti tenendo presente che i Saggi estratti l’anno precedente saranno esclusi dall’estrazione dell’anno in corso finché ne resta solo uno da designare d’ufficio.
Le decisioni prese sono superiori a tutte le decisioni prese da tutte le Assemblee dello Spinozismo e dovranno essere applicate severamente secondo le modalità previste nel proprio testo.


Uno o più membri degli Alti Consigli saranno incaricati delle loro pubblicazioni.



Dalla redazione illuminata dell’Alto Consiglio dei Saggi,
dall’accorta lettura dell’Alto Consiglio degli Admors,
dall’accorta lettura dell’Alto Consiglio dei Giusti,

il Sinedrio riunito nell’anno di grazia 1455 che ha votato all’unanimità il presente testo col titolo di "Magna Charta Spinoza" sottotitolato "Patto Comune dello Spinozismo",

ordina di conseguenza, in nome dell’Immanente, la sua pubblicazione e la sua osservanza a tutti i membri della Spinozia éso ed exo e dichiara competenti i tribunali interni in caso di violazione.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)   

Tornare in alto Andare in basso
 
Magna Cartha Spinoza (valida per la Comunità Francese Spinozista)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» problema dell ateismo nella comunità
» Democrazia, valida o no?
» Spinoza - libero arbitrio ed etica
» Magna Charta Libertatum retifica art. 39
» Conferma quanto sostengo circa le comunità Rom

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Unione delle Comunità Spinoziste Italiche :: 
Biblioteca Sacra Spinozista
 :: Introduzione allo Spinozismo e altri Volumi
-
Andare verso: