Unione delle Comunità Spinoziste Italiche

Devs sive Natvra
 
IndicePortaleRegistrarsiAccedi
Benvenuti sulle Isole Tremiti alla Grande Scuola del Sinedrio Spinozista Italico
Nuova Scola a Teramo.
Pubblicata la storia dei grandi spinozisti, personalità e dottrina!

Condividere | 
 

 [Libro delle Meditazioni] La Cortigianeria

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Arimanno

avatar

Maschile Numero di messaggi : 1930
Località : mare, atomi
Data d'iscrizione : 28.02.09

MessaggioOggetto: [Libro delle Meditazioni] La Cortigianeria   Ven 05 Giu 2009, 19:26

Quando penso a coloro che adulano il tiranno per sfruttare la sua tirannia e la schiavitù dei suoi sudditi, sono spesso tanto stupito dalla loro cattiveria quanto impietosito dalla loro stupidità.

Il contadino e l’artigiano, per quanto asserviti siano, nell’obbedienza sono dimenticati; il tiranno vede invece coloro che lo circondano, che cercano di conquistare e mendicano il suo favore.

Non occorre soltanto che facciano ciò che egli ordina, ma anche che pensino ciò che egli vuole, e spesso pure, per soddisfarlo, che prevengano anche i suoi desideri.

Non basta obbedirgli, bisogna compiacerlo, devono arrovellarsi, tormentarsi, ammazzarsi a curare i suoi affari e poiché non si compiacciono d’altro che del suo piacere, che sacrificano i loro gusti ai suoi, forzano il loro temperamento spogliandolo della sua natura.

E’ questo vivere felicemente ? E’ questo vivere ? Quale condizione è più miserabile che quella di vivere così senza avere nulla di sé e ricevendo da un altro gli agi, la libertà, il corpo e la vita!

I tiranni sono grandi perchè noi stiamo in ginocchio.

Tuttavia ci sono alcuni che, più fieri e meglio ispirati degli altri, avvertono il peso del giogo e non possono fare a meno di scuoterlo; che non si sottomettono mai alla schiavitù.

Quelli che hanno l’intelletto nitido e lo spirito chiaroveggente, non si accontentano, come gli ignoranti incalliti, di vedere ciò che sta ai loro piedi, senza guardare né dietro, né davanti; al contrario essi ricordano le cose passate per giudicare più saggiamente il presente e prevedere l’avvenire.

Sono coloro che pur avendo uno spirito retto, hanno continuato a rettificarlo con lo studio e la conoscenza.

Questi, quando la libertà sarà interamente perduta e bandita da questo mondo, la ricondurranno in esso; poiché, sentendola vivamente, avendola assaporata e conservato il suo germe nel loro spirito, la servitù non potrebbe mai sedurli, per quanto bene l’acconcino.
Tornare in alto Andare in basso
 
[Libro delle Meditazioni] La Cortigianeria
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ...Libro delle Virtù... {Agiografie}
» [libro] MAMME CHE AMANO TROPPO
» Le 10 Strategie di Manipolazione Mediatica
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Quale libro state leggendo?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Unione delle Comunità Spinoziste Italiche :: 
Biblioteca Sacra Spinozista
 :: Libro delle Meditazioni
-
Andare verso: